No image
  • trenimilk
  • 23 giugno 2016

Trenincorsa

TRENINCORSA

Tra il lago e una frontiera che non c’è,

sbuffa storie su rotaie e musiche,

c’è birra e c’è poesia su questa ferrovia,

si annullano distanze e logiche.

 

Ecco Pulce nel vagone cabriolet,

tanto in testa capelli non ce n’è,

Ilario pesta il tempo e non si ferma più,

come un piccione in gabbia va su e giù.

 

 

Vardigh adrée!

Gent che bala e che ghe n’a mia assée!

Salta sü in pè!

Vusa fort cun tütt el fiàa che gh’è…

TRE-NIN-COR-SA!

Canta e matégia Lallaralallallà!

Dumàa müsica sü questa ferruvia.

Giò a patavèrta, Lallaralallallà!

Gente in sciambula e le lacrime van via.

C’è Baffio che l’è drée a rolàa sü un drum,

la nebbia è fitta e non si vede più,

carrozza fumatori e Rusty mé un pascià,

chitarra, paglia e la sua libertà.

Al ristorante solo il Gio ma sembran tre,

6 butìli, 8 bistecch e 10 bigné.

Simone un po’ stupito lo guarda e suona un “re”,

poi con timidezza ordina il suo tè.

 

Vardigh adrée!

Gent che bala e che ghe n’a mia assée!

Salta sü in pè!

Vusa fort cun t¨t el fiàa che gh’è…

TRE-NIN-COR-SA!

Canta e matégia Lallaralallallà!

Dumàa müsica sü questa ferruvia.

Giò a patavèrta, Lallaralallallà!

Gente in sciambula e le lacrime van via.

 

Camisa cureana e bira in man,

lo zio Emi el manager nustràn,

Cesareo capitano me varda e diis “ghe sèmm,

in treno l’an che vegn nemm a Sanrem!”

 

Sü la locomotiva drìzz in pè,

mi che vardi un pu’ inanz e un pu’ indrée,

Daniele ‘l dìs “stà atento”, ma mi ghe dù mia a tràa,

poi strizzo l’occhio all’ “Omer” via si va!

 

 

 

Vardigh adrée!

Gent che bala e che ghe n’a mia assée!

Salta sü in pè!

Vusa fort cun t¨t el fiàa che gh’è…

TRE-NIN-COR-SA!

Canta e matégia Lallaralallallà!

Dumàa müsica sü questa ferruvia.

Giò a patavèrta, Lallaralallallà!

Gente in sciambula e le lacrime van via.

Matteo Carassini

 

0 Comments