No image
  • trenimilk
  • 4 luglio 2016

ONDEROD ( Carassini – Civaschi )

 

(INTRO: A E/Ab B B )

 

B- F#

Sulla neve masticando gomme indiane,

A E

una penna sull’orecchio e dentro al cuore,

B- F#/Bb

aria pura sulle labbra e non parlare

A E

per non disturbare il vento e il suo sapore.

G A B-

E qui tra Varés e il Tennessee,

G A E

una volta mi u pruvà anca a murì.

 

Mentre scivolava via la musica,

ho sbandato con le amiche dentro ai bar,

riflettendo qui, zoppicando là,

treni in corsa non ne ho persi e sono ancora qua.

Cume un indian de drée a un cowboy. ( E )

 

B A G A

OnDeRód ammò una volta, liberi,

B A G E

cul fürgon in dua gh’è scrit sü “Lavami”

B A G A

e musica che tiene su, sigarett e birra a rotoli,

B F# G G A A

OnDeRód ammò una volta liberi…ancora noi.

 

 

Tra i saloon de la Riviera e i bar sül fiüm,

emm durmì in di Grand Hotel e in di staziun,

ho parlato in italiano e anca in frances

e cantà in dialett per cüntaa sü di mè paés e…

e ogni volta l’è un surìs,

senza muri, solo sogni chì l’è ‘l paradìs.

 

 

Litigando col destino e cul scervell,

che al matìn el màa de testa l’è fin bèl,

fallimenti che non ci ferman mai,

senza meta più lontano arriveremo poi.

Come Jack Kerouac sott ai stell.

 

OnDeRód ammò una volta, liberi,

cul fürgon in dua gh’è scrit sü “Lavami”

e musica che tiene su, sigarett e birra a rotoli,

OnDeRód ammò una volta liberi…ancora noi.

 

(SOLO: D D/C# B-

G A E7 )

 

OnDeRód ammò una volta, liberi,

cul fürgon in dua gh’è scrit sü “Lavami”

e musica che tiene su, sigarett e birra a rotoli,

OnDeRód ammò una volta liberi…ancora noi.

0 Comments